Luana Troncanetti libri su Amazon

Tag

// vita da mamma
DIC
22
2016

L’ amico immaginario

Passavo di qui per lasciarvi un augurio e vorrei farlo raccontandovi un aneddoto. Avevo tre marmocchi in macchina, li ho ritirati da scuola alle 12:00 di oggi. Uno l’ho partorito io, la rimanenza erano suoi compagni di classe. Intrappolati nel traffico, ho raccontato loro
MAG
13
2015

Festa della mamma 2015, noi abbiamo tri-festeggiato

Quasi due mesi che non aggiorno il blog, due mesi splendidamente sfiancanti in cui sono successe diverse cose. E’ forse per questo che non ho trovato modo di scrivere qui, l’ho fatto altrove però. E quell’ altrove mi ha fruttato un’enorme soddisfazione, ve
GEN
10
2015

Open day

Stamattina open day presso una scuola media del mio quartiere, Superboy vorrebbe frequentare la sezione a indirizzo musicale. Nessuna pretesa di diventare il nuovo Diotallevi, per carità di Dio, né da parte sua né tantomeno da parte mia. E poi, ammesso e non concesso che possieda
DIC
15
2014

Whatsapp, la nuova frontiera dello sminchiamento virtuale

@E allora cosa devono mettersi i bambini per la recità di Natlae? @Non lo sooooooooooooooo! La mia non mi dice gnente ha!ha!ha! @aaaaaaaaaaagh, che birbantella! Neppure il mio! ih!ih!ih! @Vabbeh, dai. Facciamo i seri. Che devo metersi? @Scusate, ma io mica ho capito a che ora
NOV
29
2014

E mi ricordo ancora…

Lui adesso: 11 anni a febbraio, mani e piedi grandi quasi quanto i miei, vocione da baritono a momenti alterni, visto di spalle certe volte non lo riconosco. Lui in questa foto: 1 anno e una manciata di mesi, biberon dove sembrava mettessi lo scotch, più che il latte, tanto il
NOV
05
2014

Di allarme meteo a Roma, figli adolescenti e letture serali

Circa un’ ora fa ho scritto questo status sulla paginetta Fb de Le mamme non mettono mai i tacchi: Per quanti ancora non lo sapessero, domani 6 novembre a Roma le scuole sono chiuse per un allarme meteo. Superboy oggi pomeriggio aveva karate, ero sicura che qualcuno dei
MAG
21
2014

Bentornato amore mio

Vedere dopo tanto tempo il suo sguardo accendersi.  Un’occhiata da maschio geloso, che ti rovista nel ventre.  ” Se vestita troppo bene oggi, e sei scollata. Bellissima, sì. Ma dove devi andare vestita in quel modo?” Tanto, tantissimo tempo a litigare e basta. A